San Geniale 2011. Le immagini della Festa patronale di domenica 8 maggio


GALLERIA FOTO
San Geniale 2011 - Messa e Processione 8 maggio
GALLERIA FOTO
San Geniale 2011 - Messa di Ringraziamento e Spettacolo 8 maggio

AIELLO CALABRO – Le immagini di San Geniale, invicte Martyr e patrono degli Aiellesi, scorrono negli occhi dei fedeli e in quelli degli obiettivi della macchinette e telecamere digitali. Il busto reliquiario, patrimonio d’arte e di fede nella storia di Ajello, come ogni anno, perpetuando il culto nato nel 1668, si inoltra, portato a spalla, tra le viuzze del borgo antico. Una domenica di maggio assolata, ha fatto da sfondo alle solennità dedicate al giovine Martire.
Come di consueto, la giornata della festa patronale si è aperta con la prima funzione religiosa delle 9 celebrata dal parroco emerito don Ortensio Amendola, ed è proseguita con la concelebrazione delle 11 alla presenza delle autorità, officiata da don Bamba e don Leonardo Bernardo. Ha fatto da prologo l’offerta del cero al santo Patrono da parte del sindaco Iacucci che ha pure rievocato la consegna a San Geniale delle chiavi urbiche in argento, forgiate qualche anno fa dall’orafo di origini aiellesi Pasquale Bruni. A seguire, il giro in processione, con la banda musicale “Aloe” di Amantea a precedere il corteo, il volo dei palloni aerostatici e i balconi e le finestre adornati dalle coperte di seta colorata, di antica fattura locale.
Oltre alle immagini del mattino e della serata conclusa all’aperto con la messa di ringraziamento, e dallo spettacolo  deiMusici e Sbandieratori "Alfieri della Trischine" di Taverna di Catanzaro che da Aiello ha iniziato il tour stagionale, di questa festa riecheggia il messaggio del parroco che ha esortato la comunità a seguire l’esempio di Geniale. Un esempio di testimonianza di fede ed icona di speranza. Una speranza che, per un paese che si spopola e invecchia sempre più - come è piaciuto pensare a tanti - è stata alimentata, proprio alla vigilia della festa, dalla nascita dei primi due bambini  del 2011!
A chiudere l’edizione 2011, musica e gastronomia paesana.

Commenti