El Payaso Bipolar e la Lana de Oveja. Un cortometraggio di Fernando Aloisio

“Di complesso umorismo”, “Semplicemente straordinario”. Così lo ha definito la stampa argentina. Un corto, quello di Fernando Aloisio (nella foto a lato), di “humor acido, assurdo, fisico, escatologico, intelligente”.
“Lana de Oveja”, anno 2010, girato ad Arrecifes, è la storia di un personaggio eccentrico, el Payaso Bipolar, "diviso tra la solitudine, la compagnia di se stesso, e ciò che accade mentre trascorre un giorno normale della sua vita nella natura o nel cuore della città".
"(…) Lo spettatore si nutre con questioni quotidiane, come i vincoli affettivi, l’ansietà della solitudine, il destino (…)".
L'autore trae il suo humor assurdo dal Payaso Bipolar, un personaggio surrealista. Così può capitare, e capita, che un giorno con una pecora si faccia molto più profondo di quello che si può immaginare.
33 anni, di origini calabresi (di Aiello Calabro, Cs), Fernando Aloisio è nato a Buenos Aires, Argentina. Ha iniziato la sua carriera all'età di 19 anni scrivendo racconti e poesie e pubblicato diversi libri: El naufragó, El emporio de la manera, El desuso de la circunstancia, Antología de berrinches y ternuras, Libro de diálogos 1, Libro de diálogos 2, Libro de diálogos 3, Más allá del bulón, etc. Poi all'età di 27 anni, si dedica al cinema,  diventando uno dei creatori del duetto umoristico chiamato "Las Cortina”. Con questo duo, ha composto oltre 55 cortometraggi e un film di prossima uscita. A 33 anni è diventato produttore con la Cinema Baixia, del personaggio che sta avendo molto successo, "El Payaso Bipolar”, appunto, che è protagonista di vari monologhi e del cortometraggio "Lana di pecora" del quale è scrittore e regista. Durante la sua carriera, ha realizzato pure diverse opere audiovisive, video artistici e video clip. Attualmente, sta lavorando ad un mediometraggio, in cui il protagonista è sempre El Payaso Bipolar.
Guarda il corto

 Ecco alcuni link relativi alla sua attività artistica:

Commenti