C'era una volta... Ricordi di vita di Aiello Calabro. "A farsa e Carnelavaru" e una poesia di G. Coccimiglio

Aiello Calabro, A farsa e Carnalavaru
Foto epoca collezione Mannarino

Carnalavaru, poesia di Gaetano Coccimiglio
tratta da: Poesie in vernacolo e in lingua, Cosenza 1998

Commenti

  1. Duminica, luni e marti,
    s'abbandunenu tutti l'arti
    pecchì è llu juornu de canalavaru
    e se pense sulu a cancariare.
    Carnalavaru, caru cumpagnu,
    putisse venire tu tri vote l'annu!

    RispondiElimina

Posta un commento