In ricordo di Franco Marghella



Da Franco Pedatella, per la recente scomparsa di Franco Marghella, riceviamo e pubblichiamo.


A Franco Marghella

Ad uno ad uno cadon come foglie
i miei cugini, sangue del mio sangue.
Io, che i fratelli miei giammai conobbi,
come fratelli e zii tutti li ebbi.

Or l’ultimo sei tu, che nera Morte
rapí anzitempo all’affetto nostro
dopo impietosa e ingrata malattia
che ogni vitale nervo ti consunse.

Or naviga pei verdi prati e cogli
degli odorosi fior nettareo succo
sí che di odor la tomba tua cospargi

e chi verrà a trovarti, un fior recando,
senta che intorno aleggia un grande odore
e un sacro Nume veglia e odor vi sparge!

Aiello Calabro, 29 agosto 2012 - Franco Pedatella (Dal Blog francopedatella.com)

Commenti

Posta un commento