Emigrazione. Presentata a Lago nei giorni scorsi l'associazione dei Laghitani nel Mondo

La locandina che pubblicizzava l'evento

Qui di seguito, come pervenutoci, il discorso del presidente dell'associazione, Francesco Gallo, in occasione dell'incontro avvenuto il 12 agosto scorso, nella Sala consiliare del Comune.
Dalla Redazione del Blog congratulazioni alla neo associazione e auguri di proficue attività a favore di tutti gli emigrati laghitani.

***
Discorso del Presidente Dott. Francesco Gallo - Comune di Lago- Sala Consiliare 12 agosto 2016 

Saluto con affetto e rispetto il Sindaco dott. Enzo Scanga, il Parroco Don Alfonso Patrone e tutte le persone qui presenti che ci onorano con la loro presenza.
ll nome “Laghitani nel Mondo” indica che ci sono circa 4000 laghitani e loro discendenti sparsi in tre continenti (America, Oceania ed Europa) e considerando questo numero, l’idea di creare questa Associazione venne spontanea.
Già dal 2005 nelle pagine conclusive del mio libro “Laghitani nel Mondo” proposi di unire tutti i laghitani sparsi nel mondo in una organizzazione avente sede qui a Lago ma con molti consiglieri in ogni nazione d’adozione.
Questa idea è stata riproposta dal sottoscritto nel 2008 nel nuovo sito web www.laghitaninelmondo.com. ma solamente il 14 ottobre 2015 si è formato un gruppo di persone che la condividevano. 
Dopo undici anni di attesa e di speranze, il 1° maggio di quest’anno, presso il Tribunale di Paola, sono stati registrati lo statuto e l’atto costitutivo dell’Associazione, firmato dai Soci Fondatori: il sottoscritto, Giuseppe Pino, Antonio e Nicola Scanga, Giovanni Campora, Adriano Policicchio e Rosa Maria Pino. Il Cav. Salvatore Muto è stato nominato ad unanimità come Presidente Onorario a vita. 
Nell’Atto Costitutivo si legge che l’Associazione si propone di “…perseguire esclusivamente finalità di solidarietà sociale promuovendo la tutela e la valorizzazione della cultura, delle arti, delle tradizioni e del folklore di LAGO e del suo comprensorio e di attivare e consolidare i rapporti fra tutti i concittadini, ovunque essi risiedano”. Inoltre l’Articolo 23 indica che “..ogni anno tra il 10 ed il 18 agosto, con il patrocino del Comune di Lago, la A. L. M organizza la Festa dell'Emigrante Laghitano in una delle piazze principali del paese”. 
I nostri soci sono distinti in Soci fondatori, Soci onorari, Soci sostenitori e ordinari e i loro ruoli sono descritti nello Statuto del quale lascio copia al Sindaco ed al Parroco.
Sono grato a Pino Cino per aver seguito le pratiche amministrative inerenti la registrazione dell’A.L.M., per aver scelto il logo e per aver ben accolto questa estate circa cento emigrati in visita nel paese nativo. 
Devo ringraziare inoltre il Cav. Salvatore Muto per le utilissime notizie e foto che mi ha fornito per completare il libro “Laghitani nel Mondo”.
Un grazie lo dobbiamo anche a Don Alfonso per il suo appoggio e per la pubblicazione della rivista “In Cammino “ fondata sessanta anni fa con il nome di “Fraternità Cristiana” da Don Federico Faraca, dove molte pagine sono dedicate ai laghitani all’estero. Con questa pubblicazione che ci ha preceduto, lavoreremo in sinergia.
Infine, ho riconoscenza per il Comune di Lago per aver dato valore alle mie ricerche, ratificando il gemellaggio tra il Comune di Lago e quello di Salida nel Colorado negli USA il 15 dicembre 2014. 
Io sono molto onorato di essere il Presidente di questa Associazione anche perché rivedo il mio volto di ragazzo quando nel lontano 1955 lasciai Lago assieme a tutta la mia famiglia. Ci siamo stabiliti a Brooklyn New York, in cerca di fortuna come tanti altri partiti prima di noi per il Sud America, per negli Stati Uniti, per il Canada, per l’Australia e per tante nazioni europee. Con il nostro povero bagaglio culturale ed economico e con il dolore nel cuore, lasciavamo i nostri cari per terre sconosciute e per un ignoto destino. L’Associazione appena istituita vuole riconoscere il loro coraggio e la loro volontà, e l’avere aiutato il progresso economico e sociale del nostro amato Paesello. 
Cav. Dott. Francesco Gallo

Commenti