Un Blog per Tutti gli Aiellesi

Questo Blog è dedicato ed aperto a tutti gli Aiellesi del Mondo che potranno postare testimonianze, ricordi, storie di emigrazione, foto di partenze ed arrivi.
Ringraziamo sin da ora tutti coloro i quali vorranno partecipare e contribuire a far nascere e crescere una Comunità più ampia e più vicina, grazie alla rete, di Emigrati Aiellesi che ancora hanno nel cuore e nella mente i profumi, le immagini, i suoni, i sapori del nostro paese!

CLICCA SU MI PIACE E SEGUI LE NEWS DE "I BLOG DEL TILLESINO" SU FACEBOOK

15 agosto 2014

Aiello. Presentato il volume di Francesco Gallo sull'emigrazione aiellese in Canada e States


GALLERIA FOTOGRAFICA

Qui di seguito, una poesia del prof. F. Pedatella dedicata a Nando Aloisio, declamata nel corso dell'incontro.

Nando Aloisio
Quegli che a noi le vie primiero aperse
di società di liberi ed eguali,
dando parola al fabbro e al contadino,

che pria toccava solo al titolato
solo talor del popolo sollecito,
l’onde del mar varcò vèr l’Argentina

e volle lí portar testimonianza
di belle lotte qui condotte e vinte
con spirto di fratello e di compagno.

Lí fu soggetto a vil persecuzione,
perché a chi il potere iniquo imporre
volèa deciso il passo contrastava

a  protezion dei deboli ed oppressi,
con il coraggio pronto di chi in croce
con consapevolezza si fa mettere.

Subí la dittatura e la violenza
che lo costrinser a cambiare il luogo
dove dormir la notte ed evitare

d’esser trovato morto la mattina,
come diceva la minaccia all’I.N.C.A.,
da nota ignota mano devastato,

che impaurir tentava chi assistenza
dava ogni giorno ai lavoratori.
Nando era sopra anche alla paura!

Ei seppe con altrui perfin le scarpe
dividere, quand’altro era scalzo,
e in casa un dí a piè nudo se ne venne,

dicendo: ”Ma’, Guidoccio alla montagna
dovéa tornar con acqua, neve e vento!
Per una settimana io sto in casa,

finch’egli mi riporta quelle scarpe”.
Di lui mi narra questa storia ed altre
ogni angolo, ogni sasso del paese.

Era così Nanduzzo: mano tesa,
sorriso pronto, cuore al ben disposto,
parola ad aiutar chi avéa bisogno,

volto intelletto all’equo, al giusto, al retto.
A chi la via del socialismo volle
percorrer fu maestro che si pone

al lato del discepol, non dinanzi,
per non sembrar colui ch’ ha il passo innanzi.
Ma anche a chi con animo sincero

volle altre vie seguir, e non con colpa,
fu guida amabil e di stima segno.
Aiello il suo ritratto porta in petto.

06 agosto 2014

Radici Aiellesi. Alla ricerca di ricordi della nonna

da Lydia Boisier Caputo riceviamo e divulghiamo
***
Un mese fa, è deceduta mia nonna, ed ora sto cercando persone che la conoscevano, o foto di lei da giovane.
I miei nonni sono partiti di Aiello nel 1956 (anche mia mamma è nata a Aiello).

Mi chiamo Lydia, ho 32 anni e vi scrivo perché un mese fa ​è​ ​de​ceduta mia nonna ​Raffaella Caputo nata ​Zagordo, in Francia nel dipartimento 74 in ​Alta Savoia. Era sposata con mio nonno Salvatore ​Caputo, morto 7 anni fa in Francia. Entrambi sono nati nel 1922 e si sono sposati a ​Aiello nel 1942. ​Hanno sempre vissuto in Aiello, a Patricello, fino al 1956, quando sono partiti per la Francia.
Mia nonna Raffaella era la figlia di Rosina​ Zagordo, d​eceduta nel 1936 e di Rosario ​Gadileo (partito ​per l’​America e d​eceduto nel 1940).
Mio nonno era figlio di Giovanni ​Caputo, morto nel 1949 a Aiello, e Rosaria Cuglietta deceduta in Francia nel 1997. Ha​nno avuto 4 figli: Salvatore, Giuseppe, Eugenio e Gioacchino.
Vi scrivo per sapere se qualcuno di voi o​ i vostri genitori ha una foto di loro​ da giovani o solamente se qualcuno li conosceva.
Immaginiamo che abbiamo famiglia in Canada e anche in USA.
Grazie tanto.
Lydia Boisier Caputo