GIOVANI ITALIANI ALL'ESTERO - 1° CONGRESSO DELLE NUOVE GENERAZIONI DEI CALABRESI IN ARGENTINA

Fonte Italian Network

    Durante i giorni, sabato 15 e domenica 16 novembre, si sono riunite le quattro commissioni di lavoro, del 1º Congresso delle Nuove Generazioni dei Discendenti di Calabresi in Argentina, suddivise in altrettante aree tematiche: 1) Identità e Cittadinanza, 2) Cultura ed Educazione, 3) Economia e Formazione Professionale e 4) Associazionismo. Come risultato di un intenso lavoro è stato elaborato un documento finale, che riflette la visione delle nuove generazioni su questi temi specifici.

Alla presentazione - segnala una nota di Italiarg - sono altresì intervenuti molti dirigenti per dare il loro appoggio ed offrire la loro esperienza. I giovani invece hanno ascoltato con molta attenzione gli oratori e si sono dedicati in seguito ai lavori, che hanno condotto al documento finale.  

  Infine è da rilevare la partecipazione massiva delle istituzioni di provincia, con una forte componente femminile, che ha riflesso l’ampiezza della convocazione e l’interesse dei giovani verso un maggiore spazio di partecipazione. 

  La Regione Calabria ha mandato due dirigenti del settore emigrazione, Antonino Musolino e Giosuè Dragone, insieme a Francesco Turano, giovane politico che ricopre un ruolo moltoimportante insieme all’Assessore Damiano Guagliardi, responsabile dell’Assessorato al Turismo ed Emigrazione. 

  Si è presentato anche l’europarlamentare on. Beniamino Donnici, che ha avuto il portafoglio Turismo ed Emigrazione nella prima fase dell’amministrazione Loiero, lasciandolo successivamente per dedicarsi al suo ruolo nel Parlamento Europeo fino ad oggi. 

  In Argentina, anche l’Assessore Guagliardi, accompagnato del Presidente della Film Commission della Calabria, Francesco Zinnato, che si metterà in contatto con personalità del mondo del cinema per il progetto di filmazione della vita di Enrique Cadicamo, grande poeta del tango argentino e di origine calabrese.

  In definitiva, si è rilevata una notevole partecipazione di persone all’evento, peraltro accompagnata da un forte interesse della stragrande maggioranza della comunità calabrese in Argentina, particolarmente i suoi giovani. Si sono manifestate dunque tutte le principali esigenze ed aspettative della stessa comunità, attraverso un intenso lavoro di analisi, affiancato da un continuo e vivace dibattito sui principali temi d’interesse. La Regione, contando su un dinamico e motivato interlocutore (i giovani argentini d’origine calabrese), ha così reiterato il suo impegno istituzionale ad offrire gli strumenti di sua competenza, volti a realizzare in tempi brevi le proposte presentate.    

  La collettività calabrese, attraverso la sua federazione ed i membri della Consulta Regionale dell’Emigrazione, hanno sostenuto l’iniziativa del 1º Congresso delle Nuove Generazioni dei Discendenti di Calabresi in Argentina, la cui sua presentazione si è tenuta presso la Camera Alta dell’Argentina, il Senato.

  La stessa è stata auspiciata dall’Ambasciata d’Italia in Argentina, con la presenza dell’Ambasciatore, dott. Stefano Ronca. Inoltre sono intervenute le autorità della Regione Calabria, giunte in Argentina proprio per quest’evento, e quelle della FACA – Federación de Asociaciones Calabresas en Argentina – e della Consulta Regionale della Calabria (organismo costituito dalla Regione, in cui è rappresentata tutta la collettività calabrese del mondo nella figura dei Consultori ed Esperti, che rappresentano ogni paese).

  Gli oratori erano il Senatore Cesar Ambrosio Gioja, in rappresentanza dell’Alta Camera dello Stato, l’Ambasciatore d’Italia, dott. Stefano Ronca, Josè Tucci, Vicepresidente della Consulta Mondiale dei Calabresi Emigrati, in rappresentanza della Regione, Franco Marcelo Fiumara, in qualità di Presidente della FACA (che raggruppa oltre 60 associazioni dell’Argentina) e Julio Croci, Presidente dell’emergente gruppo “Nuove Generazioni dei Discendenti di Calabresi in Argentina”.  

  Un “Salone Azzurro” folto di invitati ha dato una degna cornice a quest’importante evento, in cui si sono evidenziate l’importanza della continuità della comunità calabrese attraverso i suoi discendenti, la quantità e la qualità delle istituzioni calabresi presenti sul territorio nazionale, la numerosa partecipazione di giovani e donne di questa comunità, la giovinezza dei loro dirigenti e la forte presenza nei diversi strati della nostra società.  

  Quest’iniziativa, concepita da un gruppo di giovani diretto da Julio Croci è stata fatta propria dalla FACA, nella figura del suo Presidente Franco Fiumara, e dalla Consulta, nella persona del suo Vicepresidente Josè Tucci. Succesivamente la stessa Regione -nella figura del Presidente della Consulta, il Governatore Agazio Loiero- ha considerato che era una proposta che doveva essere sostenuta a tutti gli effetti e ha dato direttive concrete all’Assessore Damiano Guagliardi di accompagnare tale iniziativa. 

  Proseguendo su un cammino iniziato un anno fa, oggi, questo gruppo si trasforma così in uno spazio di discussione ed è una realtà incontrastabile, che presenta nuovi punti di vista ed una forte aria di rinnovamento, ma senza lasciare da parte le basi tradizionali della calabresità in Argentina.

Commenti